Seconda caduta a 6mila metri d’altezza per Nardi. «Non so perché sono vivo»